fbpx

info@alessiamaccagno.it

+39 3332801627

Il Ruolo del Biologo Nutrizionista

Secondo la legislazione italiana, le figure professionali che possono elaborare profili nutrizionali sono il Medico Nutrizionista, il Biologo Nutrizionista e il Dietista.

Il medico nutrizionista è laureato con laurea quinquennale in Medicina e Chirurgia e specializzato in Scienze dell’Alimentazione; può fare diagnosi, elaborare profili nutrizionali, prescrivere analisi o farmaci ed utilizzare apparecchiature invasive. Il Biologo Nutrizionista è laureato con laurea quinquennale in Scienze Biologiche ma non necessariamente specializzato in Scienze dell’Alimentazione, per svolgere la professione è obbligatoria però l’iscrizione all’Ordine Nazionale dei Biologi nella Sezione A. Il biologo può autonomamente pianificare ed elaborare profili nutrizionali per condizioni fisiologiche e patologiche, quest’ultime solo se precedentemente accertate dal medico chirurgo. Il dietista è laureato con laurea triennale in Dietistica, è un profilo nutrizionale dell’aria tecnico-sanitaria, individuato dal D.M. 14 settembre 1994, n.744, ex art. 6, comma 3 del D.Lgs. 502/92. Il Dietista non può svolgere la sua professione in totale autonomia ma in collaborazione con il medico ai fini della formulazione di diete su prescrizione medica.

Il biologo può svolgere la propria professione in totale autonomia per elaborare profili nutrizionali al fine di proporre alla persona che ne fa richiesta un miglioramento del proprio “benessere”, quale orientamento nutrizionale finalizzato al miglioramento delle stato di salute. In tale ambito può suggerire o consigliare integratori alimentari, stabilendone o indicandone anche le modalità di assunzione.

Il possesso di Specializzazione in Scienza dell’Alimentazione, Master, Attestati di corsi di formazione sono titoli culturali e formativi che consentono di svolgere con più competenza la professione ma non sono obbligatori.

Nello svolgimento dell’attività è possibile utilizzare apparecchi non invasivi, ritenuti di ausilio nella rilevazione di parametri utili alla valutazione dello stato nutrizionale ed energetico della persona.

E’ fatto divieto al biologo nutrizionista di fare diagnosi, prescrivere farmaci, prescrivere analisi, utilizzare apparecchiature invasive, utilizzare titoli diversi da quelli determinati dall’O.N.B.

La professione è regolamentata da Legge 396/1967, DPR 328/2001, DM n. 362/1993. Ne segue che il biologo è l’unico professionista a favore del quale esistono precise norme di rango legislativo che riconoscono la sua competenza a valutare i bisogni nutritivi ed energetici dell’uomo a prescrivere le conseguenti diete.